Premio Cultori di Roma - Istituto Nazionale di Studi Romani

Istituto Nazionale di Studi Romani
Istituto Nazionale di Studi Romani
Vai ai contenuti

NEWSLETTER

Inviando la richiesta dichiari di aver letto e accettato la nostra privacy policy
ultimo aggiornamento
Bibliografia romana
ATTIVITA' CULTURALE > Premi e Concorsi
Premio Cultori di Roma                                                                                                                                                                                         
Il premio "Cultori di Roma" fu istituito dal Comune di Roma, con deliberazione della Giunta approvata dal Campidoglio nel novembre del 1954.

La proposta di una tale istituzione era partita da uno dei membri Ordinari dell'Istituto, Carlo Cecchelli, il cui nome è doveroso ricordare, e subito fatta propria dal Presidente dell'Istituto, Quinto Tosatti, dal Sindaco Salvatore Rebecchini e dall'Assessore alle Antichità e Belle Arti Paolo dalla Torre di Sanguinetto, ai quali ultimi si deve la rapida approvazione di essa.

Opportuna, infatti, fin dal principio, apparve la proposta di Cecchelli, dettata dalla considerazione che fra i numerosi premi, grandi e piccoli, fioriti soprattutto dopo la fine della seconda guerra mondiale in molte città d'Italia con scopi spesso propagandistici più che culturali, proprio Roma fosse assente in tale gara; Roma che pure, nei secoli passati, e soprattutto nell'Ottocento e nella prima metà del Novecento, aveva costituito oggetto preferito di studiosi di altissimo livello italiani e stranieri, i quali alla conoscenza della storia e dei monumenti della città avevano recato un contributo di indiscutibile e non trascurata validità: da Teodoro Mommsen a Giambattista De Rossi, da Rodolfo Lanciani e Giacomo Boni a Ferdinando Gregorovius. E poiché Roma non avrebbe mancato di fornire materia di studio ad altri ricercatori, era giusto che a questi la città fosse in grado di manifestare la propria riconoscenza e di iscriverne i nomi tra i propri benemeriti.

Così - nacque il premio "Cultori di Roma", destinato appunto, come è detto nel primo articolo del suo regolamento, a coloro che siano venuti in alta fama con studi o opere su Roma.

A dare maggiore lustro al premio, e ad apprezzare il suo significato, fu stabilito che esso fosse conferito annualmente in Campidoglio e consistesse in un medaglia con figurazioni simboliche della città e il nome del premiato, accompagnata da una pergamena con la motivazione dei meriti dello stesso premiato.

La designazione di questo, alternativamente un italiano e un non italiano, fu delegata all'Assemblea dei Soci dell'Istituto Nazionale di Studi Romani, l'organo che sembrò piu idoneo a tale compito, integrata tuttavia, oltre che dai rappresentanti del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e di Roma Capitale, da quelli di altri due Enti di alto valore culturale, l'Unione Accademica Nazionale e l'Unione Internazionale degli Istituti di Archeologia, Storia e Storia dell'Arte in Roma. Ogni anno la scelta è subordinata ad un vaglio accurato e scrupoloso e diviene definitiva solo se approvata a larga maggioranza.

Gli oltre cinquant'anni trascorsi dalla prima assegnazione ad oggi hanno costituito un albo d'oro di studiosi di Roma, i cui nomi e le cui opere rimarranno legati a quello della città e della sua civiltà.



Cultori di Roma


2021
2020
(non assegnato)
2019
2017
2016
2015
2014
2013
2012
2011
2010
Pietro Gibellini
2009
Antonio Pappano
2008
Emilio Gabba
2007
Nicole Dacos
2006
Giovanni Pugliese Carratelli
2005
Fergus Millar
2004
Adriano La Regina
2003
José M. Blazquez
2002
Guido Strazza
2001
Jennifer Montagu
2000
Goffredo Petrassi
1999
Herbert Bloch
1998
Alberto Caracciolo

1997
Claude Nicolet

1996
Giulio Battelli

1995
Arnold Esch
1994
Paolo Portoghesi
1993
Pierre Grimal
1992
Antonio La Penna

1991
Pierre Toubert
1990
Carlo Pietrangeli
1989
Jacques Heurgon
1988
Paolo Brezzi
1987
Irving Lavin
1986
Margherita Guarducci
1985
Jean Delumeau
1984
Antonio Traglia

1983
Frank E. Brown
1982
Massimo Pallottino
1981
Horst Furhrmann
1980
Raffaello Morghen
1979
John B. Ward Perkins
1978
Antonio Maria Colini
1977
Léopold Sédar Senghor
1976
Ettore Paratore
1975
Pierre Boyancé
1974
Italo Gismondi
1973
Kazimierz Kumaniecki
1972
Giacomo Devoto
1971
Joseph Vogt
1970
Ottorino Bertolini
1969
(premio non assegnato)
1968
Richard Krautheimer
1967
Pietro Romanelli
1966
Ronald Syme
1965
Giuseppe Ceccarelli (Ceccarius)
1964
Fernand De Visscher

1963
Giuseppe Lugli
1962
Lilyross Taylor
1961
Vincenzo Arangio Ruiz
1960
Andreas Alfondi
1959
Pietro De Francisci
1958
Axel Boethius
1957
Salvatore Riccobono
1956
Jérome Carcopino
1955
Gaetano De Sanctis



ISTITUTO NAZIONALE DI STUDI ROMANI
Piazza dei Cavalieri di Malta, 2 - 00153 Roma
C.F. 80045010586
P.IVA 02117071007
Codice univoco M5UXCR1
Tel. 06 5743442 - 06 5743445
Fax 06 5743447
www.studiromani.it


DOVE SIAMO
© Istituto Nazionale di Studi Romani
realizzato da: Elena Iannilli - Daniela Muggeo

Torna ai contenuti